IL PROCESSO DI CAMBIAMENTO

Il processo di cambiamento e l’obiettivo ultimo della Schema Therapy è trasformare uno schema disfunzionale in uno più funzionale.

Come abbiamo visto, uno Schema Maladattivo Precoce comprende ricordi, pensieri, emozioni e sensazioni somatiche, pertanto la modifica di uno schema di questo tipo dovrà puntare prioritariamente alla riduzione della pervasività dei ricordi ad esso associati e alla riduzione dell’intensità delle emozioni e delle sensazioni somatiche che seguono alla sua attivazione.

Affinché il processo di cambiamento possa essere valutato completo è necessario che avvenga anche una modifica comportamentale, possibile attraverso l’apprendimento da parte della persona di nuove strategie adattive alternative ai mode disfunzionali che le permettano di soddisfare i propri bisogni profondi.

L’intervento terapeutico coinvolge pertanto aspetti cognitivi, emotivi e comportamentali. Per modificare questi schemi disfunzionali si utilizzano tecniche relazionali, strategie cognitive e comportamentali e tecniche esperienziali e immaginative.

Attraverso questi interventi lo schema disfunzionale gradualmente si indebolisce e si attiva con frequenza e intensità sempre minori, procurando alla persona esperienze molto più facili da gestire e superare.

Essendo gli schemi strutture centrali nell’identità, si tende a rimanervi legati e a rinunciarvi con difficoltà.

In quest’ottica la terapia può essere considerata una “dichiarazione di guerra” che il paziente e il terapeuta, alleati, muovono allo schema, con un unico obiettivo: “sconfiggerlo e annientarlo” (Young et al., 2007).

Paragonata alla Terapia Cognitivo Comportamentale standard, la Schema Therapy attribuisce maggiore valore alle emozioni, enfatizza il rapporto terapeutico tra paziente e terapeuta come veicolo di cambiamento e assegna maggiore importanza all’analisi dei rapporti primari nell’infanzia come origine delle difficoltà attuali.

Bibliografia

Arnould, A., & Gitta, J., (a cura di Carmelita, A.), (2013). Schema Therapy in Azione: teoria e pratica. Istituto di Scienze Cognitive Editore, Sassari.

Raffaeli, E., Bernstein, D., Young, J., (a cura di Carmelita, A.), (2013). Schema Therapy. Fondamenti di base e differenza della Terapia Cognitiva. Istituto di Scienze Cognitive Editore, Sassari.

Young, J. E., Klosko, J.S., Weishaar, M. E., (edizione italiana a cura di Carrozza, A., Marsigli, N., Melli, G.), (2007). Schema Therapy. La terapia cognitivo-comportamentale integrata per i disturbi della personalità. Eclipsi, Firenze.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.