genitore interiorizzato

I mode del Genitore Interiorizzato è un concentrato delle attitudini morali e comportamentali di uno o di entrambi i genitori, ma anche di altre figure significative con le quali il bambino ha interagito che vengono interiorizzate. Sebbene in questo mode vi confluiscano ricordi di critiche, punizioni o abusi reali, è bene sottolineare che il Genitore Interiorizzato non coincide con il genitore reale.

Secondo la Schema Therapy è possibile distinguere due tipologie di mode del Genitore Interiorizzato:

 2) Il mode del Genitore Punitivo

Quando ci si trova in questo mode si assume lo stesso atteggiamento del genitore interiorizzato, in questo caso un genitore che ci critica, ci scredita e ci punisce, poiché ci considera “cattivi”. La voce interiorizzata del Genitore Punitivo, critica e punitiva, ci fa sentire arrabbiati con noi stessi o meritevoli di una punizione se sentiamo e/o mostriamo bisogni che in passato sono stati puniti.

Il tono del Genitore Punitivo è duro, critico e non perdona. Segni e sintomi di questo mode includono autocritica, disgusto per sé stessi, autodenigrazione, ma anche autolesionismo, fantasie suicide e comportamenti autodistruttivi. In sintesi possiamo dire che quando ci si trova in questo mode si prova odio nei nostri confronti e ci si svaluta.

2) Il mode del Genitore Esigente o Critico

Quando ci si trova in questo mode si assume lo stesso atteggiamento del genitore interiorizzato, in questo caso un genitore che ci fa richieste impossibili e continue pressioni, allo scopo di farci raggiungere standard eccessivamente elevati.

La voce interiorizzata del Genitore Esigente o Critico ci fa sentire accettabili e accettati soltanto se risultiamo perfetti, capaci di mantenere tutto sotto controllo e in ordine, ambiziosi, capaci di ottenere uno status elevato, ma anche umili e capaci di mettere i bisogni degli altri davanti ai propri ed infine efficienti e capaci di non perdere tempo.

Al contrario ci fa sentire sbagliati se esprimiamo i nostri sentimenti o noi stessi in modo libero e spontaneo. In sintesi possiamo dire che quando ci si trova in questo mode ci si sente costantemente sotto pressione per il raggiungimento di risultati positivi e per il sacrificio dei propri bisogni a vantaggio di quelli degli altri.

L’atteggiamento orientato al sacrificio che assumiamo quando ci troviamo in questo mode è un atteggiamento che nella vita spesso ci ha portato ad avere successo e per questo motivo facciamo molta fatica a distaccarci da questa parte, perché temiamo che senza non saremmo in grado di raggiungere gli stessi risultati.

Non ci rendiamo conto però di come nella realtà questa parte non solo è un ostacolo al nostro benessere e alla nostra felicità, ma a volte è addirittura controproducente.

 

Bibliografia

Arnould, A., & Gitta, J., (a cura di Carmelita, A.), (2013). Schema Therapy in Azione: teoria e pratica. Istituto di Scienze Cognitive Editore, Sassari.

Raffaeli, E., Bernstein, D., Young, J., (a cura di Carmelita, A.), (2013). Schema Therapy. Fondamenti di base e differenza della Terapia Cognitiva. Istituto di Scienze Cognitive Editore, Sassari.

Young, J. E., Klosko, J.S., Weishaar, M. E., (edizione italiana a cura di Carrozza, A., Marsigli, N., Melli, G.), (2007). Schema Therapy. La terapia cognitivo-comportamentale integrata per i disturbi della personalità. Eclipsi, Firenze.

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.